top of page

Ucraina: l’Italia della diplomazia e del volontariato in prima linea per portare aiuti e speranza

Aggiornamento: 2 mag 2023

3 APRILE, FIRENZE, RFK HUMAN RIGHTS ITALIA

Da una parte del confine il viaggio per fuggire dalle bombe russe e andare verso la salvezza, dall'altra parte la catena degli aiuti che si è subito messa in moto. Sono i primi momenti del conflitto in Ucraina raccontati, dai testimoni e dai volontari, Firenze, durante l'evento organizzato da RFK Human Rights Italia e Colors for Peace per presentare il libro “33 ore - Diario di Viaggio dall'Ucraina in Guerra” (ed. Vallecchi) di Edoardo Crisafulli. Insieme a Valdo Spini, presidente della fondazione Circolo Rosselli, e Federico Moro, segretario generale RFK Human Rights Italia, Crisafulli, addetto culturale presso l’Ambasciata italiana a Kiev, ha raccontato attraverso il suo instant book il rocambolesco viaggio da Kiev ai confini alla Moldavia, durato ben 33 ore, senza pause, per fuggire dalle bombe russe, un viaggio con il cuore in gola verso la pace, un groviglio di pensieri annotati su foglietti, alcuni lucidi e razionali in bella calligrafia, altri quasi onirici, scarabocchiati. Fiammetta Chiarini e Valentina Pagliai di RFK Human Rights Italia e Antonio Giannelli, presidente di Colors for Peace hanno illustrato invece cosa è stato fatto nelle stesse ore al di qua della frontiera per portare in Ucraina beni di prima necessità e per accogliere i profughi.

“Il 25 febbraio, il giorno dopo lo scoppio della guerra, RFK Human Rights Italia è stata contattata dall'Associazione Colors for Peace per sostenere una raccolta a favore del popolo ucraino, tramite le associazioni VitaUkr, Let's Do it Ukraine e Let's Do it Italy. Attraverso il passaparola e il rilancio di post sui social, in poche ore tanti privati cittadini si sono presentati nei punti di raccolta indicati a Firenze e Lucca, mettendosi in fila pazientemente per portare medicinali, vestiti, cibo da inviare in Ucraina” hanno spiegato. “Il primo convoglio è partito il 1° marzo, da allora ne sono partiti 22, l'ultimo il 30 maggio: 10 verso i confini polacchi (gestiti direttamente da VitaUkr Association, Let's Do it Ukraine e Let's Do it Italy) e 12 verso il confine rumeno, nel piccolo comune di Sighetu Marmatiei (gestito direttamente da Colors for Peace). Una volta arrivate alle frontiere le merci sono state portate in Ucraina e distribuite alla popolazione grazie ai volontari delle associazioni”.

"La Toscana si conferma terra di solidarietà di fratellanza tra i popoli. Il racconto di Edoardo Crisafulli di quei tragici primi giorni di guerra in una sala piena di cittadine e cittadini che hanno contribuito all'invio dei generi di prima necessità alla popolazione ucraina, una sala commossa e attenta, ha rafforzato in noi la convinzione che la società civile e il terzo settore debbano lavorare al fianco delle istituzioni per migliorare le condizioni di vita delle persone in stato di difficoltà", queste le parole di Stefano Lucchini, presidente di RFK Italia.

In due mesi e mezzo sono stati consegnati 726 pallet, quasi 2000 metri cubi di materiale di pronto soccorso, coperte, scatole di cibo, bevande energetiche e cibo energetico, vestiti, scarpe, calze, sciarpe, guanti, cappelli sia per adulti che per bambini, articoli per bambini, farmaci, acqua, prodotti per l'igiene, cibo per animali, sedie a rotelle e borse. La raccolta ha visto l'adesione di Comune di Stazzema, Parco Nazionale della Pace di Sant'Anna, Croce Verde di Lucca, Misericordia di Forte dei Marmi, Pubblica Assistenza Pontestazzemese, Gruppo Alpini di Forte dei Marmi, Osservatorio per i diritti del Comune di Lucca e comitati di Firenze, Lucca e Bagno a Ripoli della Croce Rossa Italiana, Auser Lucca.

Inoltre RFK Human Rights Italia ha ospitato nella propria foresteria di Firenze (la cui gestione è stata affidata dalla Prefettura alla Croce Rossa Italiana - Comitato di Firenze) 9 rifugiati ucraini (6 donne e 3 bambini). Ha poi donato 29 computer portatili a un gruppo di bambini salvati da un orfanotrofio in Ucraina e accolti dalla Misericordia di Fosciandora in Garfagnana, e nell'hub istituito dalla Regione Toscana per accogliere i profughi fuggiti dall'Ucraina nelle prime settimane dopo l'inizio del conflitto ha allestito uno spazio per far giocare i bambini.

“Mi ricordo la lunga fila di persone che, come me, con grossi sacchi avevano risposto prontamente alla raccolta organizzata della RFK Italia per spedire aiuti alla popolazione ucraina dopo l’inizio della guerra” ha raccontato Emiliya Yaremchuk, una volontaria. “Le persone aspettavano lentamente il proprio turno, aiutandosi l’un l’altro a portare i pacchi più pesanti. Arrivato il nostro turno, vedendo le pile di cibo, coperte, abiti, medicinali che sommergevano i volontari, abbiamo chiesto se serviva aiuto. E’ cominciata così un’esperienza di fratellanza e condivisione che non dimenticherò mai. Per più giorni ci siamo trovati insieme a lavorare, tristi nell’anima, ma con la voglia di organizzare al meglio le spedizioni che partivano per raggiungere il popolo ucraino. Vedere tante persone che, infaticabili, lavoravano per ore per aiutare il mio popolo mi ha commosso e riempito di gioia, non facendomi sentire sola in quei primi terribili giorni, che purtroppo hanno segnato solo l’inizio di una guerra che ancora va avanti. Ringrazio la RFK Italia per avermi permesso, anche così lontana, di poter aiutare il mio popolo.”

“La nostra Associazione si è attivata per la raccolta di materiale per la popolazione ucraina praticamente fin dall’inizio del conflitto – ha raccontato Alessandro, volontario della Croce Verde di Lucca – dapprima in maniera spontanea, poi con una vera e propria organizzazione alle spalle. È stato emozionante toccare con mano la generosità della popolazione lucchese: presso il nostro hub di raccolta, abbiamo ricevuto vestiario, giocattoli, materiale sanitario e molto altro ancora in quantità impressionanti. Veder partire camion pieni di beni di prima necessità ci ha reso consapevoli di fare qualcosa di utile e concreto per persone che, ancora oggi, vivono in condizioni inaccettabili”.



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page